lunedì 2 gennaio 2012

Una scala come cella frigorifera "ecologica"





Queste due scale avevano destato le mie attenzioni durante la visita nella casa che fu della famiglia del prelato Noaro. Le descrissi in questo modo:

Vi sono poi due rampe di scale che finiscono nel nulla. Mi è difficile pensare, visto la volta così bassa, che potessero condurre da qualche parte..."

Un quesito il mio che "immaginava" una risposta diversa da quella lasciata da Luciano che mi scrisse:

"Roberta, il segreto delle scale penso sia presto svelato. Quelle scale che adesso non conducono a niente prima portavano al piano superiore. I tamponamenti, uno piano e l'altro a volta a botte sono stati realizzati successivamente in tempi probabilmente diversi. La ragione è sicuramente funzionale, ma anche diversi particolari che si evincono dalle foto che hai postato suggeriscono questo: vedi per esempio il battiscopa dipinto che si vede nella quinta foto."

Devo confessarvi che questa risposta non mi convinse perché nel salone principale, quello dell'affresco, è ancora presente una porta del 700 comunicante con la scala che conduce al secondo piano e soprattutto a non convincermi sono le dimensioni dei gradini, la contro soffittatura e la larghezza. Non risposi perché non avevo nulla da aggiungere finché, una email del "mio carissimo" Marino Cassini mi dava un'altra interpretazione. Marino mi scrisse:

 Cara Robbie,

       l'ipotesi dell'amico Gabrielli è logica e fondata. L'unica domanda che sorge spontanea  è: 
"Perché  i padroni del passato si sono preclusi un accesso al piano superiore?" 
   
Ho navigato in Intertnet  e nel sito "Agriturismo in Costa Amalfitana Sant'Alfonso- Comune di Furore " ho trovato quanto segue:

"Altrettanto curioso è un ambiente gelido e buio in cui campeggia una piccola scala senza sbocco. Ovviamente l'apparente inutilità è un inganno. Si tratta di una vera cella frigorifera "ecologica" che veniva utilizzata come dispensa e che, per la sapiente disposizione, mantiene ancora oggi temperature bassissime. S.Alfonso rappresenta una perla per la diffusione e il recupero delle tradizioni contadine ma soprattutto per riappropriarsi di una differente concezione del tempo, del lavoro e dell'utilizzo delle risorse ambientali"

E permettimi di lavorare un poco con la fantasia. Siamo nel Sud dei secoli passati, brigtantaggio e contrabbando erano all'ordine del giorno. Perché non ipotizzare un momentaneo nascondiglio di briganti ricercati dalla legge che si rifugiavano in luogi oscuri, sbarrati magari da un enorme armadio che nascondeva l'ingresso?

La funzione trovata e descritta per queste scale da Marino mi piace, mi convince e mi porterà ad approfondire la questione iniziando col cercare altre scale di questo tipo nel nostro borgo e poi... vi parlerò dei  briganti che abitavano su queste montagne!!!

3 commenti:

  1. Ma che ricordiamoci che siamo in Liguria quella era la camera degli ospiti, che cosi rimanevano meno dei tre giorni necessari a puzzare come il pesce :-)
    Marco Risi

    RispondiElimina
  2. il nostro bagaglio culturale si arricchisce grazie alle tue ricerche. complimenti e buon lavoro!!!

    RispondiElimina
  3. Interessante l'ipotesi di Marino! Non ho mai visto niente di simile, ma credo che questa ipotesi debba essere approfondita cercando soluzioni analoghe in zona. In effetti, come tu osservi, l'ultimo gradino della scala coperta con la volta a botte è molto alto, ma in zona ho visto moltissime scale con alzata enorme e disomogenea per cui non mi sorprenderei per questa caratteristica. Non ho mai visitato quella casa quindi le mie sono solo delle supposizioni generali ed in generale in una casa "di prestigio" le scale che portavano ai piani superiori potevano essere anche più di una. Difficile è dare una risposta alla domanda di Marino sul perchè i padroni del passato si sono preclusi un accesso al piano superiore, ma le ragioni potrebbero essere moltissime e di casi analoghi ce ne sono veramente molti. In centinaia di anni di storia una casa può aver subito moltissime trasformazioni in tempi diversi per le ragioni più disparate, ed in quella casa, come tu mi hai detto, ci sono dei paricolari che ne fanno stimare l'esistenza già nel XVI secolo. Relativamente al cambio d'uso di una scala condivido questa mia esperienza fatta un paio di anni fa in una casa del borgo storico di Camporosso. Allora ebbi modo di vedere una scala curiosamente trasformata (abbastanza recentemente, dai sanitari presenti credo negli anni '70) in bagno: ovviamente quella scala era stata chiusa e non portava più al piano superiore, su uno dei gradini più bassi era stato installato in lavandino, poco sopra il water ed il bidè e sulla sua sommità era stata ricavata una piccola doccia. Le ragioni di questa trasformazione mi sembrano abbastanza evidenti.

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
4) Anonimo: Se proprio non riesci ad utilizzare le altre opzioni, puoi commentare anonimamente. Se scegli questa opzione, gentilmente lascia una firma in modo da farti riconoscere.