venerdì 4 novembre 2011

Qui all'estremo Ponente Ligure ancora tutto tranquillo

Sono due giorni che stiamo vivendo in allerta meteo. Questa mattina al risveglio sono sicura che più di uno ha pensato al solito allarmismo, in qualche frangente anch'io. Nel primo pomeriggio con l'arrivo delle prime notizie provenienti da Genova ecco ritornare la paura. Un disastro. Con l'arrivo del buio ha iniziato a piovere anche qui, a tratti molto forte, dicono che il peggio debba arrivare. I nostri vicini francesi sul loro sito Meteo France nel dipartimento delle Alpi Marittime e in quasi tutto il sud della Francia, segnalano  Vigilance Orange en cours 
l'esperto Achille Pennellatore, amico su facebook nel suo ultimo messaggio ha scritto quanto segue:

Sto notando che sta per piovere molto forte in alta Valle Roya, da S. Dalmazzo di Tenda in su, fino al Colle di Tenda. Questo mi porta a pensare che potrebbe anche formarsi un'onda pericolosa che verrà giù dal fiume stesso verso Airole, Trucco e poi Ventimiglia. Potrebbero anche innescarsi delle esondazioni sulle rive, in particolar modo verso la foce del Roya, dove l'onda lunga da SSE che sta crescendo in mare potrebbe fare da tappo alla normale fuoriuscita delle acque verso il mare aperto. Tutto ciò può costituire pericolo per le persone e danni alle infrastrutture sulle sponde. Quindi attenzione anche a questo fatto! achille.

Una situazione alquanto critica quella che si va ad affrontare durante la notte. La diga di Tenarda è ancora al di sotto del limite di apertura nel Nervia, i francesi apriranno invece la diga di Les Meches” di Casterino all'altezza di Saint Dalmas de Tende facendo così innalzare il fiume Roja che sfocia a Ventimiglia.
L'allerta 2 finirà domenica a mezzogiorno!!! Mi sembra tutto così silenzioso, ancora una volta questa data, 4 novembre, entra prepotentemente nella nostra storia. 

Come ha scritto la mia amica Eli, vorrei che fosse già martedì...

2 commenti:

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
4) Anonimo: Se proprio non riesci ad utilizzare le altre opzioni, puoi commentare anonimamente. Se scegli questa opzione, gentilmente lascia una firma in modo da farti riconoscere.