sabato 15 ottobre 2011

Ruve-ài



Dapertutu u se ve' ruve-ài
cròve se bèle fasce unde ùna vòuta
u sentivamu sugiar e cantar
chi travagliava en te e vie cun a màchina
deu sulfatu ch'a persava sce e spale
e u parescìa ch'a piturèsse e foglie
per abelie u cadru dea campagna.
E gènte e desciarmentavan cuntènte
de ver cresce i rapi d'ua ancùn verdi...
    A stagu a ver lagiù versu u Ciapìn:
i ruvèi i fan da padrùi deu mundu
dopu ch'i s'han mangiàu tutu u camin
e aùr nesciùn u se proa ciù a andarghe.
Ma se escì e spine e purèssen parlar
e ne cuntarìan a storia dei orti
per regurdar e pumate già rusce
veixìn ae cabanète dei faixoi
e ai ciucài cièi de grosse asciùre giale,
e ne cunterìan de tante fatighe
cunsumaè per nui da brassi amurursi...
    U me par de sentierli cheli brassi
e a vurerìa baixiàrle chele mae.

Teresa Martini Veneruso

Poesie en Brigalencu







9 commenti:

  1. Non é per niente facile invertire adesso la rotta. Ci si può consolare almeno un po' vedendo altri aspetti della natura?

    RispondiElimina
  2. Quando l'autrice parla di braccia e di mani tocca le corde più vere e scordate della nostra terra. Notevole...

    RispondiElimina
  3. Credo che la nostra terra ci possa dare ancora molto, per chi come me ha in famiglia un lavoratore agricolo, conosce molto bene i sacrifici che occorrono per salvare dai rovi il coltivato. Sono ottimista e per il futuro vedo verde magari con meno fatica.

    RispondiElimina
  4. Candu en te fasce u gà i ruvei u veue dii che i padrui i stan tropu ban o tropu maa

    RispondiElimina
  5. quanta verità in questi versi dialettali! complimenti a chi li ha scritti!!! ciao e...buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  6. La poesia, come la prosa dialettale è cultura, secondo me.
    Da me, che conosca, c'è solo più Camillo Brero che scrive in dialetto.
    E' una tradizione che purtroppo sta venendo meno, anche perchè - ai miei tempi - i genitori non dovevano assolutamente rivolgersi ai propri figli in età scolare, in dialetto.
    Peccato!
    Ciao Roberta, buona serata.

    RispondiElimina
  7. Un po' a fatica ho capito il senso della Poesia da te postata

    Vero se le spine potessero parlare...

    Lì'ho anche ascoltata e devo dire che con l'ascolto e la lettura capirla è stata più facile.

    Buona settimana Roberta bacio ciao

    RispondiElimina
  8. Non facile comprendere tutto, ma poesia molto toccante.

    RispondiElimina
  9. Gran bel commento dialettale Fuin, che piaccia o no è proprio così.

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
4) Anonimo: Se proprio non riesci ad utilizzare le altre opzioni, puoi commentare anonimamente. Se scegli questa opzione, gentilmente lascia una firma in modo da farti riconoscere.