martedì 25 ottobre 2011

"Muri a secco" di Gipo Anfosso, presentazione a Isolabona

Clicca sull'immagine per leggere

Domenica 30 ottobre alle ore 16e30 a Isolabona presso la Loggia di piazza Martiri della Libertà, la biblioteca Fortunato Peitavino e il Comune di Isolabona, presenteranno il libro di Gipo Anfosso Muri a secco, presentazione dell'autore a cura di Paolo Veziano  Per la biblioteca si tratta della prima presentazione e sarà un autore con origini lisurenche. Non conosco personalmente l'autore e sarò contenta di farlo domenica. 
L'AUTORE: Gipo Anfosso nasce a Sanremo e vive a Pavia. Laureato in filosofia, insegnante, impegnato nel sociale, è autore di racconti, monologhi teatrali e testi scolastici. Formatore nell’ambito dell’educazione ai diritti, si occupa di giochi didattici, scrittura creativa e scrittura di migranti. Sogna di vivere ancora tra mare e montagna, tra i profumi dei limoni e le foglie argentate degli ulivi. 

SINTESI: Racconti come pietre di un muro a secco, pietre separate, ma unite in una struttura armonica e funzionale. Vi si respira un’aria comune, un senso della vita ricco di memoria, di radici.  I racconti parlano di Liguria e ne conservano forte i profumi. Storie di guerra e di Resistenza (Quanto manca all’alba?, A conquistare la rossa primavera), di memorie politiche (Bandiera rossa, La memoria), di banalità (Faccio per dire, Ma secondo te), di fatica di vivere e uscire dai propri ruoli (Il cappello, In viaggio). continua a leggere

Non ho mai parlato di muri a secco e soprattutto dovrò iniziare a scattare fotografie a questi soggetti che, ancora oggi, rappresentano un monumento alla fatica di intere generazioni del nostro recente passato. Mi auguro che domenica la Loggia siano presente numerose persone. Vi racconterò dell'incontro.

6 commenti:

  1. Come sempre troverai le tue notizie nel blog ''Utilize Rap! Again!''.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Catò intellettuale invece che buongustaio...

    RispondiElimina
  3. iniziativa lodevole!
    i muri a secco sono opere che subiscono costantemente le ingiurie del tempo e dei...cinghiali e non c'è più nessuno capace di ripristinarli. peccato davvero!!!

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. @raggio: Renè di Bajardo sa metterli in sesto...

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
4) Anonimo: Se proprio non riesci ad utilizzare le altre opzioni, puoi commentare anonimamente. Se scegli questa opzione, gentilmente lascia una firma in modo da farti riconoscere.