domenica 9 ottobre 2011

Chi fa politica deve accettare le critiche.

Porsi delle domande lo ritengo un gesto normale. Lo faccio durante lo svolgimento del mio lavoro, lo faccio nella quotidianità della mia vita privata e lo faccio quando analizzo notizie di carattere politico. Lo ritengo un gesto naturale che mi permette di capire meglio ciò che mi circonda. Prendere per scontato le decisioni altrui proprio non ce la faccio. Esternare quelle che sono le mie conclusioni, lo ritengo un gesto di schiettezza, infatti non sopporto chi ti fa la bella faccia davanti e ti critica alle spalle. Credevo fino a questa mattina che chi svolge un compito politico fosse pronto ad accettare critiche sul suo operato, mi sbagliavo. Questo blog è nato per raccontare Isolabona con tutti i suoi pregi, i suoi difetti, la sua storia, le sue tradizioni senza tralasciare quelli che sono i miei punti di vista e le mie conclusioni. Penso di averlo fatto sempre con onestà intellettuale e soprattutto alla luce del sole. Sono profondamente delusa da chi si è sentito "solo criticato" da ciò che ho scritto. Ritengo questo comportamento la riprova che, certe persone che hanno fatto della politica lo scopo della propria vita, siano persone aride. Fare il  politico non è un mestiere, dovrebbe essere una "missione temporanea", purtroppo c'è ancora oggi chi pensa che sia a vita.

Fotografia scattata a Isolabona in località San Rocco 1946/48. Seduta con il vestito nero Luigina Cane, vicino a lei sconosciuta, in piedi  con il  vestito nero Velina e di fianco Vittorina Cane
Foto di proprietà di Pianeta Adriano
 

5 commenti:

  1. Il tuo post non fa una piega cara Roberta.

    Purtroppo i politici sono cosi sensibili quando credono di essere toccati.

    Continua a parlare della tua isola che tanto ami e porta sempre avanti i tuoi punti di vista.
    Se poi qualcuno si sente "criticato" il problema è suo e non tuo.

    Quanta amarezza che ci da questa politica.

    Un abbraccio e buona settimana. ciao

    RispondiElimina
  2. Se uno non accetta le critiche, ancora di più verrà criticato!

    RispondiElimina
  3. effettivamente hai ragione...e dovrebbe essere sempre così...a tutti i livelli...ma non è così per niente!

    RispondiElimina
  4. Cara Roberta, una delusione simile l'ho provata anch'io alcuni anni fa.
    I politici sono soliti cambiarti le carte in tavola a seconda dell'aria che tira in quel momento...quindi ti capisco.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  5. ,,, eh già:((((
    (mi unisco ai precedenti commenti).

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
4) Anonimo: Se proprio non riesci ad utilizzare le altre opzioni, puoi commentare anonimamente. Se scegli questa opzione, gentilmente lascia una firma in modo da farti riconoscere.