venerdì 22 aprile 2011

L'Ape legnaiola, Xylocopa violacea



In questi giorni il mio glicine ha raggiunto la sua massima fioritura. Uscendo in giardino e stazionandoci sotto, un ronzio continuo è il suono predominante. Si tratta della musica emessa dall'Ape legnaiola la Xilocopa violacea che trova nel Glicine il suo fiore preferito. Ho cercato di scattare qualche bella fotografia, ne ho fatte tantissime, quelle che ho pubblicato sono le migliori. Il saltare da un fiore all'altro avviene continuamente, una danza che non permette di mettere a fuoco l'immagine. Il loro colore nero unito al forte ronzio incute timore, un timore ingiustificato. Ho inviato le fotografie all'Entomologo Giancarlo Castello il quale mi ha fatto avere una scheda molto dettagliata come suo solito. Sono rimasta sorpresa quando mi ha scritto che l'esemplare da me fotografato era un maschio. Il sesso di queste creature lo si riconosce grazie ai due penultimi piccoli anelli delle antenne. Nel maschio sono di un colore tendente al rosso. Un particolare che mi era scappato. E si, i particolari sono importanti, ve ne ho parlato giusto una settimana fa...e questo lo dimostra!!! Devo cercare di essere più osservatrice.
Vi lascio alla scheda di Giancarlo Castello.

L’APE LEGNAIOLA E LE SUE NERISSIME CUGINE

Quando ci rechiamo un po’ trafelati al pronto soccorso, persino i medici di turno, anche se preparatissimi sotto tutti i profili e così garbati da suscitare tutta la nostra stima, ci sembrano talvolta spaesati, alquanto incerti, e la cosa non è dovuta a incapacità professionale, bensì al tipo di cultura naturalistica che vige in Italia, lontana da certi settori della Botanica, ma ancor più dall’Entomologia, considerata spesso materia inutile, tranne che per pochi studiosi. Così, finché ci punge un insetto abbastanza consueto, ad esempio una vespa, il soccorso procede secondo canoni abituali, soprattutto giusti livelli di preoccupazione, in caso contrario non resta che andare per tentativi. In Italia gli insetti che possiedono un aculeo sono alcune decine di specie, senza considerare le zanzare (in Italia 62 specie) che esulano però dal nostro discorso, ed è quasi impossibile che la conoscenza di tutte le entità faccia parte di un normale bagaglio medico. Per questo si tende a curare in modo piuttosto generico, credo a volte persino esagerato, quando si tratta di specie la cui puntura non produce conseguenze di sorta. L’esempio più significativo è proprio l’insetto che presentiamo oggi, ovvero la Xilocopa violacea, detta “Ape Legnaiola” (Xylocopa: xylos = legno, kopto = incidere). Per evitare una logica a scompartimenti stagni è necessario considerare anche le sue due congeneri: Xilocopa iris e Xilocopa valga, al completo le tre Silòcope italiane, che può essere interessante imparare a distinguere.


LE TRE SPECIE ITALIANE DI XYLOCOPA

Per prima cosa dobbiamo assolutamente spazzare il campo da un’idea del tutto sbagliata, circolante tra la gente che frequenta le campagne, gli orti o quant’altro. La nostra Silòcopa è nera. Questo è il dilemma: da ciò nasce la paura d’incontrarla. La Scienza ha dimostrato che il colore nero ci insospettisce, ci rende maggiormente paurosi e non fa pensare a niente di buono… Non ci si può stupire se la Silòcopa viene comunemente confusa con l’animale più pericoloso d’Italia, cioè il Calabrone. Ma il Calabrone cari amici è una vespa, Famiglia dei Vespidi: in Italia 21 specie, anzi, tra le vespe la più micidiale, permettetemi l’appellativo, tanto che ogni anno si contano in media almeno 150 morti per causa sua. Il Calabrone (Vespa crabro) è sì bello massiccio e grande fino a 5,5 cm, ma ha la testa gialla o color cuoio e il resto del corpo diviso in zone: marrone, nero e giallo. La sua puntura risulta molto pericolosa la seconda volta (con rischio di shock anafilattico), quando il fisico manifesta una reazione iniziale piuttosto evidente.


IL MICIDIALE CALABRONE (Vespa crabro)

Al contrario, la nostra funerea Silòcopa, è in realtà praticamente innocua ed è stato accertato che reagisce pungendo solo se fortemente disturbata. Inoltre, a parte il consueto bruciore da pungiglione, non ci sono conseguenze e dopo un’ora anche l’arrossamento è scomparso. Essa appartiene infatti alla Famiglia degli Apidi, molto meno pericolosa di quanto si creda; in Italia ce ne sono 55 specie, che comprendono: l’Ape da miele (Apis mellifera), i famosi e simpatici Bombi, che sono 28, ma anche specie sconosciute come le Ceratina delle festuche (13 specie) e i Bombi-Cuculo (Psiphyrus, 10 specie), che occupano in modo subdolo i nidi dei loro congeneri, a cui assomigliano terribilmente. Mente i Vespidi sono prevalentemente carnivori e il loro veleno molto efficace, gli Apidi sono in pratica vegetariani, molto meno pericolosi, e alcune specie muoiono dopo aver punto la vittima.
Tornando alle nostre Silòcope, il loro nome volgare, Ape legnaiola, si riferisce alla principale attività, che è quella di scavare alacremente il legno nelle cui gallerie vengono inseriti, alternativamente, un uovo e una pallina di polline misto a nettare (pane delle api). La Xilocopa valga, più massiccia e più forte di tutte (il più grande Apide italiano) sceglie facilmente tronchi secchi o pali.


TRONCHETTO SCAVATO DA Xilocopa violacea


TROCHETTO APERTO VIRTUALMENTE

Per lo stesso scopo, la specie più piccola, Xylocopa iris, usa generalmente le cavità di cannucce secche. Tutte e tre le specie non si possono dire insetti sociali ma Apidi solitari. Nelle ore soleggiate si dedicano soltanto alla costruzione del nido e alla raccolta delle scorte di cibo per le future larve. Il nido è intervallato da intercapedini di segatura di legno e saliva, formando fino a sette nicchie per i nuovi nati, con l’ultima porzione vuota, dove va a rifugiarsi la madre.
Le Silòcope nascono alla fine dell’estate per poi entrare in ibernazione durante l’inverno, nascoste nel loro stesso nido, impilate una sull’altra con una piccola scorta di cibo. Solo la primavera seguente avviene l’accoppiamento e le femmine iniziano quasi subito il loro lavoro di scavo o di ricerca del nettare. Il continuo andirivieni tra i fiori diventa una manovra fortemente pronuba (cioè utile all’impollinazione) ed è sciocco considerarla pericolosa.
Il fiore preferito della specie Xilocopa violacea è il Glicine (Wisteria sinensis), tutte sono fortemente attratte da odori intensi di nettare ed essudati vegetali. Non mancano i nemici naturali, com’è normale nel mondo degli Insetti. Si tratta di “parassitoidi”, delle loro larve, a cui sottraggono il cibo, depredandole, comunque uccidendole. Si tratta ad esempio dell’Holocryptus femoralis, una sorta di vespina Icneumonide con una lunga appendice con cui punge le larve, sue vittime. A volte la Xylocopa violacea vede decimare il suoi piccoli a opera del terribile Sapigide Polochrum repandum.




IL PARASSITOIDE DELLA XYLOCOPA

Resterebbe ancora molto da dire su queste simpatiche creature, conosciute troppo superficialmente. Credo sia importante indicare una volta per tutte le caratteristiche di riconoscimento delle tre specie italiane, ricordando che solo la comparazione diretta tra una specie e l’altra potrebbe dare sicurezza al profano. L’esperto le riconosce a occhio e segue mentalmente lo schema seguente:

Xilocopa valga:
DIMENSIONI: LA PIÙ GRANDE E ROBUSTA (28 MM) - TESTA ROTONDA - ANTENNE CORTE CONFORMATE PIU’ O MENO IN LINEA.

Xilocopa violacea:
DIMENSIONI: PIÙ PICCOLA DELLA PRECEDENTE (21 MM)TESTA OVALE – ANTENNE FORMANTI UNA MORBIDA CONTROCURVA. SE IL PENULTIMO SETTORE IN PUNTA ALLE ANTENNE E’ COLORATO, SI HA LA SICUREZZA DELLA SPECIE, INOLTRE E’ CERTO CHE SI TRATTI DI UN MASCHIO.

Xilocopa iris:
DIMENSIONI: LA PIÙ PICCOLA E CORTA (15 MM) E PUÒ ESSERE CONFUSA CON UN GROSSO MOSCONE . TESTA OVALE TENDENTE AL RETTANGOLARE E ADDOME LEGGERMENTE PIÙ STACCATO DELLE ALTRE SPECIE. ANTENNE CORTE E SOTTILISSIME, UN PO’ RIPIEGATE A GANCIO SULLA PARTE TERMINALE.
Giancarlo Castello

9 commenti:

  1. Ciao Roberta è molto interessante questo tuo post, non solo per gli adulti ma anche per la valenza didattica con i bambini. Un lavoro di approfondimento sia in Scienze che in Geografia da poter presentare in classe.

    Ti auguro una Buona Pasqua con le persone che ami.

    rosalba

    RispondiElimina
  2. Cara Rosalba, le schede scritte da Giancarlo Castello sono sempre belle, chiare e molto complete. Quando parlo di insetti e fiori, preferisco che siano degli esperti di mia conoscenza a farlo. Chi meglio di loro può offrire al lettore un valido contributo? Mi fa piacere che ti sia piaciuta, sfogliando il blog ne troverai delle altre, se ti servissero...accomodati pure. Io mi limito a fotografare ciò che avviene intorno a noi.
    Auguro anche a te una lieta e serena Pasqua.
    Roberta.

    RispondiElimina
  3. come sempre un'interessante lezione di G.Carlo! con le sue notizie, quando tornerà il sole, andrò ad osservare le varie api che ronzano continuamente sul mio glicine. grazie a voi e buona Pasqua!!!

    RispondiElimina
  4. Bellissimo il glicine!

    Auguri di Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  5. Bello il glicine ed interessante la spiegazione sulle api. Leggevo che questi utilissimi insetti sono fortemente minacciati dai pesticidi. Stiamo attenti a non sottovalutare la loro utilità: un mondo senza api potrebbe diventar sterile in quanto sono le api che impollinano quasi tutti i fiori dando la possibilità quindi alle piante di generare frutti e di riprodursi (oltre che di nutrirci)

    RispondiElimina
  6. Ciao, Rob. E' un post molto bello e di chiara valenza didattica. L'ho inserito nel widget dei condivisi su Scientificando, nella sidebar destra.

    Un abbraccio.
    annarita

    RispondiElimina
  7. ho scoperto un nido di Xilocopa violacea in un tronco di salice piangente abbattuto;il tronco é vicino a casa. Avevo l'intenzione di distruggere il nido per allontanare le "bestiole" anche perchè spesso entrano in casa e oltretutto il nostro cane ha individuato il nido e cerca di acchiapparle. Dopo aver letto questo forum lascero' che "mamma" xilocopa finisca di curare le proprie larve - d'altra parte anche "mamma " Merlo ha fatto il nido all'interno di una buganvillea rampicante a una parete di casa.Non vedo perchè devo fare delle distinzioni. Vorrei spostare il tronco perchè é a portata di cane, ma chissà se rischio di far perdere l'orientamento.....qualcuno mi puo' consigliare?

    RispondiElimina
  8. davvero interessante... spiegato così bene ha appassionato anche una che ha la fobia degli insetti come me. Questo grande insetto nero era tra quelli che più mi preoccupavano anche perchè lo scambiavo x il temibile calabrone. Ora sono più tranquilla. Grazie

    RispondiElimina
  9. Buon giorno a tutti. Anche se l'ultimo commento è un po' datato ci provo lo stesso.
    Ho conosciuto la specie diciamo a mie spese in quanto un folto gruppo ormai in crescita ha deciso di nidificare non su un albero o tronco del mio giardino ma bensì nella struttura in legno del mio tetto RIFATTA 5 ANNI FA. Purtroppo a parte il rumore, oggi sono diventati proprio tanti, condividono ormai la casa entrando dalle finestre aperte e dagli spiragli delle travi accedendo alle camere dei bambini. In più non da poco il residuo dei loro scavi e prolungamenti di tane vengono quotidianamente ritrovati sul pavimento; legno e polistirolo di coibentazione.
    COME SI PUO' INTERVENIRE ALLONTANANDOLI O SE NON FOSSE POSSIBILE DEBELLANDOLI.
    SONO TUTTI CUNICOLI SEPARATI TRA LA COIBENTAZIONE IN POLISTIROLO E LA STRUTTURA IN LEGNO

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
4) Anonimo: Se proprio non riesci ad utilizzare le altre opzioni, puoi commentare anonimamente. Se scegli questa opzione, gentilmente lascia una firma in modo da farti riconoscere.