mercoledì 20 aprile 2011

Da Totonno a Totò: 150 anni di Unità d’Italia ‘raccontata’ da Antonio Manganaro

In uno dei primi post di questo mese, vi scrissi che ero molto felice. Il mio blog era servito indirettamente ad aiutare uno storico a scoprire un tassello importante riguardante la figura del caricaturista Antonio Manganaro. Francesco Granatiero devo ammetterlo, ha avuto un intuito eccellente. Ha saputo riconoscere nell'immagine da me pubblicata la "mano artistica" di Antonio Manganaro. Oggi pomeriggio ho ricevuto una e-mail da Granatiero in cui mi  ha informato che sul sito della città di Manfredonia è stata pubblicata la sua ricerca.  
Immagine scansita dal libro originale

Uno dei maggiori caricaturisti italiani del Risorgimento era manfredoniano: Antonio Manganaro, vissuto tra la fine dell’800 e gli inizi del ’900, è ancora oggi un modello per la satira politica.
Pressoché dimenticato dall’ufficialità, fu riscoperto e portato all’attenzione del grande pubblico da un altro caricaturista sipontino, Francesco Granatiero, che, con ricerche certosine, ha ricostruito le vicende biografiche e buona parte della cospicua produzione artistica del Manganaro.
Ricerche che continuano ininterrotte, e che portano a scoperte interessanti, come la splendida illustrazione riportata nel volume ‘I Mille di Giuseppe Garibaldi, biografie per Alberto Mario’, stampato a Genova nel 1873 presso il Regio stabilimento Lavagnino (facente parte della fornita biblioteca del signor Giacomino Rodini).
La riproduzione fotografica di quest’opera del Manganaro è stata pubblicata il 5 maggio 2010 sul blog di storia locale www.isolacometivorrei.com, amministrato dalla signora Roberta Sala di Isolabona (Imperia), in un testo in cui non si faceva alcun riferimento all’autore dell’illustrazione, la cui firma era coperta totalmente dall’indirizzo dello stesso blog.
Francesco Granatiero, spinto da una notevole dose di intuizione e da grande determinazione, ha prontamente contattato i signori Rodini e Sala per avere ragguagli in merito al disegno e, grazie alla loro gentile e preziosa collaborazione, da lì a poco è stato possibile attribuirlo con certezza al Manganaro: nella nuova scansione dell’illustrazione, infatti, si legge chiaramente la firma, posta in basso a sinistra, del nostro illustre concittadino.
“Questa scoperta aggiunge un altro piccolo, ma significativo contributo alla conoscenza delle tante opere del Manganaro e alla storia della cosiddetta Illustrazione Popolare”, afferma Granatiero. Continua a Leggere

Inutile aggiungere che sono contenta di aver contribuito con il mio modesto blog a questa ricerca. 

6 commenti:

  1. Brava, Rob! Ho letto tutto. In effetti, Granatiero è riuscito a riconoscere la paternità dell'illustrazione della copertina perché un ottimo caricaturista anche lui.

    Nella foto da te pubblicata la firma di Manganaro era interamente ricoperta dall'indirizzo del tuo blog!

    E' stato un colpo di fortuna per la ricerca storica. Queste cose mi fanno molto, molto piacere!

    Magari per il futuro, se posso permettermi, cerca di posizionare l'url del blog in uno spazio dell'immagine che sia completamente vuoto, soprattutto quando si tratta di pezzi pregiati come la copertina de "I Mille"!

    Ancora brava!
    Un salutone
    annarita

    RispondiElimina
  2. Sono felicissimo Roberta, la ricerca prima o poi dà i suoi frutti!

    Buona serata.

    RispondiElimina
  3. Grazie Annarita, seguirò il tuo consiglio... Saluti anche a te;))

    RispondiElimina
  4. una bella soddisfazione! ciao...

    RispondiElimina
  5. Sono felice per te, Roberta.

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
Ho dovuto eliminare la possibilità di commento anonimo per troppi commenti spam.