sabato 21 agosto 2010

Pomeriggio al Pereguzzo

Scorcio del Pereguzzo
Calopteryx splenden

Oggi è andata così: Giorgio mi ha chiesto se lo portavo a fare il bagno ai laghetti di Pigna e più precisamente al Pereguzzo, la mia risposta è stata affermativa, ritornare in un luogo dopo 38 anni mi piaceva. Così abbiamo preparato gli asciugamani e siamo partiti. La prima tappa l'abbiamo fatta al camping delle rose per caricare in macchina Riccardo, il suo amichetto e ci siamo diretti verso il Pereguzzo che si trova nel comune di Castelvittorio e non di Pigna!
Posteggiata la macchina mi sono detta: E adesso? Chi se la ricorda più la strada per scendere al fiume? Come sempre capita nei momenti del bisogno non incontri anima viva!!! Gira di qua e gira di la...ma il sentiero giusto mai...poi un lampo a ciel sereno, posteggiando avevo notato la macchina di un mio amico e guarda caso il suo numero di telefono è memorizzato nella mia agenda, perfetto, telefonata e indicazioni precise ci hanno indirizzato verso il laghetto!!! Grazie Fabrizio.
Dopo tanti anni è come esserci stata per la prima volta, di questo luogo avevo conservato solo il ricordo dei tuffi che gli amici di mia sorella effettuavano dalla roccia, da una altezza di almeno dieci metri, abitudine che non si è ancora persa da parte dei coraggiosi ragazzi. che frequentano questo luogo. Le acque incontaminate sono cristalline e assai fredde il contesto paesaggistico stupendo. È frequentato da molti giovani, alcuni del luogo e da parecchi turisti. Ho avuto la fortuna di fotografare una Libellula e più precisamente un esemplare femmina di Calopteryx splenden. Leggete qui per conoscere meglio questa libellula. Se cliccate sulle fotografie, potrete guardarle meglio. Alla fine è stato un bel pomeriggio, Giorgio e Riccardo si sono divertiti e io...ho potuto ripercorrere ricordi molto lontani ma ben conservati nel mio cuore!

Guarda qui le altre foto

Calopteryx splenden
























9 commenti:

  1. E' un posto bellissimo !
    Ciao Roberta, buona domenica

    CRi

    RispondiElimina
  2. Che posto incantevole, Rob! Ritornarci dopo tanti anni deve essere emozionante!

    Grazie di aver condiviso delle foto così belle.

    Buona domenica.

    RispondiElimina
  3. meno male che ti sei corretta: il laghetto è nel comune di Castelvittorio ed era la nostra "spiaggia" estiva. ricordo l'acqua fredda ed il colore verde cupo che mi faceva un po' paura. ho rivisto volentieri i luoghi, dopo più di 30 anni ed ho provato un po' di nostalgia!
    buona domenica!

    RispondiElimina
  4. Ringrazio per le emozioni, soprattutto di riconfermato amore per la natura (specie dei nostri luoghi), che mi hai procurato, ma anche di moderato rimorso per la mia attuale sedentarietà, con l'ironia del caso che vuole che io sia nato allo sbocco della magnifica Val Nervia e ne dimori tuttora a poca distanza! Una buona domenica!

    RispondiElimina
  5. Confesso che non conoscevo questo posto suggestivo, ma solo i laghetti di Rocchetta Nervina che l'anno scorso ho riscoperto volentieri.

    Ciaocià :)

    RispondiElimina
  6. ciao! molto bello posto! complimenti!

    RispondiElimina
  7. Ma non si aspetta 38 anni per tornare in codesto paradiso !!! La libellula è decisamente unica. Quindi consigli ogni tanto di massaggiarlo un poco il cuoricino con dei bei ricordi? Io dico sì...
    Buona domenica afoSA...
    :FreB:

    RispondiElimina
  8. Lo trovo un posto stupendo, quel verde dell'acqua fa respirare aria di montagna, oltre che rinfrescare.
    Ritrovare posti frequentati in gioventù fa piacere, anche se non sempre sono rimasti come ce li ricordavamo...

    Buona serata.

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
Ho dovuto eliminare la possibilità di commento anonimo per troppi commenti spam.