venerdì 14 maggio 2010

Proverbi e detti liguri su Facebook


Oggi mi sono iscritta su Facebook al gruppo Proverbi e detti liguri. L'ho scoperto grazie a una mia amica e ho pensato di iscrivermi subito. Ritengo questo gruppo molto bello perché raccogliere i detti e i proverbi di una regione ci permette di non perdere parte delle tradizioni orali e folkloristiche che appartengono a un popolo.
L'amica Maria Luisa Saettone, che non è più tra noi, nella sua tesi di laurea del 1957, scrisse:

[...] Le tradizioni pervenuteci dal passato hanno tentato, come edera sempre viva, di aggrapparsi all'humus fertile della memoria per poter continuare a vivere. E' noto però che la sopravvivenza di motivi folkloristici tende a resistere in località che, per la loro natura geografica (isolamento o lontananza dalle grandi vie di comunicazione) hanno più possibilità di custodirli, mentre questi motivi tendono rapidamente a scomparire nelle località "più esposte al contatto con l'esterno".
In Val Nervia le tradizioni hanno resistito fino a quando l'uomo ha trovato possibilità di sopravvivenza; ma quando è stato costretto a cercar lavoro oltre le mura del paese e ad abbandonare per lunghi periodi o per sempre il focolare, anche le tradizioni sono lentamente sbiadite e hanno perduto le loro radici.
L'insieme delle tradizioni recuperate sul filo della memoria ci permette, comunque, di definire il carattere generale degli isolesi, che poco si discosta dal carattere generale degli abitanti della Val Nervia.
L'isolese è in linea di massima persona osservante dei precetti morali; grata ai benefici ricevuti e di rado facile a dimenticarli; attaccata al lavoro e alla terra; fiera e inesorabile con chi gli vuol nuocere; intraprendente e al tempo stesso circospetta; non si lascia facilmente abbattere dagli ostacoli ma cerca sempre di vincerli; fissa ad una meta qualora intraveda un facile guadagno, ma pronta ad abbandonare quando il danno gli si profili. [..]
L'identità di un popolo si riconosce anche attraverso i detti e i proverbi.

4 commenti:

  1. Sono d'accordo: l'identità di un popolo si riconosce anche dalla tradizione orale del tramandare un detto. E' importante non perdere queste radici
    buona domenica, ciao

    RispondiElimina
  2. Ritengo questo gruppo molto bello perché raccogliere i detti e i proverbi di una regione ci permette di non perdere parte delle tradizioni orali e folkloristiche che appartengono a un popolo.

    Concordo Rob!

    La mia scuola ha attivato 10 anni fa un progetto specifico che continua ancora con l'apporto degli anziani, che svolgono un laboratorio con i ragazzi in ambito pomeridianao.

    Il Progetto si inserisce nelle problematiche di Educazione alla conoscenza della propria terra, dal punto di vista storico - antropologico, e tende a sviluppare nei giovani la capacità di vivere il proprio ambiente nel rispetto dei luoghi, della storia, delle tradizioni, delle persone che ne fanno parte imprescindibile.

    Ti auguro buon week end.

    Ciao.

    RispondiElimina
  3. Roberta, hai fatto benissimo!!

    RispondiElimina
  4. Mi sono sempre piaciuti i proverbi come pure gli antichi modi di dire del mio dialetto... Hanno in se le nostre radici, un po' come certi piatti tipici... ;-)

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
Ho dovuto eliminare la possibilità di commento anonimo per troppi commenti spam.