mercoledì 3 febbraio 2010

A Isolabona non sappiamo a quale numero civico abitiamo!!!


Già nel novembre 2008 vi avevo parlato dell'enigma dei numeri civici, questo il post.
Da quella data sono trascorsi quasi quindici mesi, l'Amministrazione Comunale è stata «rinnovata» ma il problema persiste, con tutte le sue complicazioni.
Qualche settimana fa ho dovuto ancora una volta fare i conti con questo pasticcio, alle tre di notte ho dovuto chiamare la guardia medica, ho spiegato all'operatore dove si trova la mia abitazione, gli ho dovuto però dare il mio indirizzo compreso il numero civico, in questo caso «due».


Probabilmente durante l'operazione di trasferimento dei dati, l'operatore ha comunicato solo l'indirizzo e il primo numero civico. Il risultato è stato che sia l'ambulanza che l'auto medica si sono fermate molto prima della mia abitazione perché il numero a loro comunicato, corrisponde a una abitazione distante dalla mia circa trecento metri. Sono stata ricontattata telefonicamente, ho dovuto rispiegare l'ubicazione della mia abitazione e dopo aver perso, in questo caso tempo non prezioso, perché l'urgenza si è rivelata meno grave del previsto, lo staff medico e infermieristico ha potuto raggiungere la mia abitazione.
Un caso questo che con altri, vedi la distribuzione della posta, la consegna dei pacchi da parte dei corrieri, questa situazione mi fa sorgere per l'ennesima volta le stesse domande:

Quando l'Amministrazione Comunale porrà la parola FINE a questo PASTICCIO?
Quando potremo finalmente sapere a quale numero civico abitiamo?

Questa sarebbe una situazione da «Striscia la notizia» perché, sono sicura, che in nessun altro paese esista una confusione simile.
Voi ne conoscete altri?
So che i nostri Amministratori hanno MOLTO da fare, ma loro, non hanno mai avuto problemi?

10 commenti:

  1. Non conosco situazioni analoghe, per fortuna! Che pasticcio, Rob! Però quella di striscia la notizia non è una cattiva idea...

    Salutoni.
    annarita

    RispondiElimina
  2. Consolati,anche il mio palazzo ha due numeri...65 il vecchio mai sostituito e 81 il numero attuale: tutto il mondo è Paese.

    RispondiElimina
  3. è proprio un bel pasticcio...che persiste! ma loro sanno dei vostri disguidi? avete fatto un reclamo scritto? se sì, come presumo, non sarebbe male fare intervenire il gabibbo!!! ciao, ciao!!!

    RispondiElimina
  4. E' una cosa completamente vergognosa. Io, come molti altri ho avuto non so quanti disguidi, e va a finire che un giorno o l'altro spacco il nuovo numero di casa.

    E poi, non so adesso, ma fino a qualche mese fa in Comune continuavano a fare i documenti con i numeri vecchi perché non li avevano aggiornati nel database, e son passati più di tre anni.

    Hanno "taggato" tutto il taggabile, anche il più piccolo buco, tanto che io di numeri ne ho tredici.

    @Raggio
    dici "ma loro sanno dei vostri disguidi?", e son domande da farsi? Dove vivono? In cima al Toraggio?

    RispondiElimina
  5. Ho appena lasciato un messaggio sul sito del comune. Ho chiesto direttamente a loro quando finirà questo pasticcio e che sapere a quale numero civico abito sia un atto dovuto nei miei confronti.

    RispondiElimina
  6. Ho già sentito e pure visto questi cambiamenti. Capitano molto più spesso di quanto si pensi soprattutto in zone abitative più periferiche o in piccoli borghi.
    In centro città è più difficile che possa accadere.
    E' una gran rottura e può durare anni... :-(

    RispondiElimina
  7. Qui in Brasile anche abiammo tanto a fare...baci,chica

    RispondiElimina
  8. Sei il primo caso che sento. Incredibile la cosa!

    RispondiElimina
  9. Melius abundare quam deficere.

    RispondiElimina
  10. é la prima volta che vedo una cosa del genere, ma prima o poi credo che qualcosa dovranno fare?

    Auguri a tuo marito, e grazie dei tuoi per Laura...a proposito leggendo i vostri commenti Laura ha detto che i nati sotto il segno dell'acquaio sono tutti speciali.
    Un bacio.

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
Ho dovuto eliminare la possibilità di commento anonimo per troppi commenti spam.