sabato 4 luglio 2009

Ve le ricordate le mie Lunarie annue? Ecco come si sono trasformate.

Oggi finalmente ho potuto fare delle mie Lunarie, medaglie del Papa, un bel vaso di fiori secchi......
Ve li ricordate i fiori delle lunarie nel mio girdino?
Ebbene hanno raggiunto la loro ultima fase, quella della completa maturazione con la completa essicazione del gambo, momento ideale per rimuovere la doppia pellicola che racchiude i semi e liberare la sottile membrana che sembra una madreperla e metterle in un vaso.........questo è il disultato!!!
 
 

Ne ho trovate parecchie piante nate spontaneamente lungo il torrente, ne ho raccolte alcune e regalate alla mia amica Francesca da mettere in negozio.......spero abbia gradito, non le ho però detto che le lunarie nel linguaggio dei fiori stanno significare ricchezza negli affari..........appena la vedrò la metterò al corrente!!!

14 commenti:

  1. Bellissimo!
    Dimmi ma si seminano?
    Spiegami come devo fare per piacere! sono un incanto.
    Brava,e grazie!

    RispondiElimina
  2. @rosy, si seminano, il primo anno la pianta vegeta ma non fa fiori, al secondo anno fa dei fiori bellissimi di un viola purpureo bellissimo.....poi ogni anno, dopo la fioritura al posto dei fiori si sviluppano questi medaglioni che nel giro di un paio di mesi si trasformano in queste medaglie.....a essicazione avvenuta, sulla pianta, si recidono i gambi e prendendole tra pollice e indice si eliminano le due pellicole che contengono i semi e rimane quello che hai visto, la medaglia del Papa, per antonomasia, il fiore secco più elegante......vuoi dei semi?
    sono pronta a mandarteli ci sentiamo su facebooke, sarebbe la prima volta che questo blog si rende utile anche materialmente, per me una grande gioa!!!
    ciao e un caro saluto, roberta.

    RispondiElimina
  3. Mia mamma le coltivava in campagna e io mi divertivo a levare le pellicole esterne facendo attenzione a non rompere la membrana madreperlacea. Sono delicate ma molto ornamentali.
    Ciao buon week end!

    RispondiElimina
  4. ho anch'io un bel vaso di lunarie. Le ho raccolte nel giardino di mia mamma!

    RispondiElimina
  5. tieni qualche seme anche per me? l'anno scorso, in fioritura, mio marito l'ha tagliate col decespugliatore e... addio monete!
    grazie in anticipo!!!

    bella la piazza, ma tanto triste! oggi l'ho calpestata... non c'era nessuno...

    RispondiElimina
  6. @raggio, se posso esserti di conforto, non c'era nessuno neanche in paese, tranne gli uomini che giocavano a belota al bar sergio........ io sono uscita dalle tre alle quattro a mangiare un gelato con gtu.....a isola si dorme d'estate e anche in inverno!!!

    RispondiElimina
  7. Bellissime, e poi adornano elegantemente. Buona serata.

    Rino.

    RispondiElimina
  8. Adesso conosco il nome di quei bellissimi fiori secchi che avevo visto l'anno scorso in bella vista entrando in un ristorante. Molto belli! Buona vita, Viviana

    RispondiElimina
  9. gturs, sei una miniera di risorse! Questi fiori sono molto più belli da secchi e suggestivo anche il nome Lunarie...
    Ciao, buona domenica.

    RispondiElimina
  10. Semplicemente bellissime:)
    Baci!

    RispondiElimina
  11. Sono bellissime..noi le chiamiamo le monete del papa,sembrano di madreperla...

    Giulia

    RispondiElimina
  12. Roberta....si possono coltivare in vaso? Le tue lunarie sono meravigliose. Piacerebbe anche a me coltivarle.

    RispondiElimina
  13. Queste le conoscevo anche io (nella mia totale ignoranza del mondo vegetale)! Mia madre le adorava e il prepararle ogni anno (togliere le pellicole, raccogliere i semi, seminare i semi) era un rito che compivamo con riverenza quasi religiosa. :-)
    anche noi le chiamavamo "monete del papa".
    un abbraccio! sono un po' latitante ultimamente ma di qui cerco sempre di passare!

    RispondiElimina
  14. Le ho viste, ma non ne conoscevo il nome.
    Sono splendide!

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
Ho dovuto eliminare la possibilità di commento anonimo per troppi commenti spam.