giovedì 21 maggio 2009

Commistione tra fotografia e pittura, il caso di Monet.

 
Dolceacqua, fotografia di anonimo
Nell'ottocento la fotografia ha sicuramente avuto un ruolo importante, infatti grazie alla fotografia molti pittori impressionisti dell'epoca riuscirono a immortalare i loro soggetti, di questo "aiuto" non ne andavano fieri, alcuni dicevano che la pittura veniva contaminata da un mezzo tecnico, ma quasi tutti ne traevano beneficio.
Un caso emblematico di commistione tra fotografia e pittura è il caso di Monet.
Monet fece la sua prima visita in Riviera a fine anno del 1883 in compagnia di Renoir, per soli quindici giorni. Fu talmente colpito dal fascino dei luoghi che appena rientrato a Giverny, manifestò subito il desiderio di ritornarci, infatti il 23 Gennaio 1884, Monet è di nuovo a Bordighera.
Durante questo suo nuovo viaggio "vagabondò" per la Riviera spingendosi fino nell'entroterra della val Nervia, fino a Dolceacqua, dove dipinse " Il ponte e il castello".
 
Claude Monet, Dolceacqua 1884
Arrivò a Dolceacqua grazie alle fotografie di Jean Scotto e di altri fotografi, grazie ai quali si ha una documentazione iconografica di indubbia importanza.

Che Monet abbia usato per le sue opere in Riviera, oltre la luce ed i motivi meravigliosi dei nostri paesaggi, le fotografie di Jean Scotto e di altri fotografi, è abbastanza marginale.
Il risultato, come sempre, è quello che conta.
Le immagini che ci ha regalato sono uniche.

 
Dolceacqua, foto di Jean Gilletta
Le fotografie e le notizie che ho pubblicato nel post sono state prese da, La fotografia ligure dell'Ottocento, autore  Giuseppe Marcenaro, edito da Cassa di Risparmio di Genova e Imperia, 1984.
Questo libro l'ho già usato quando vi ho parlato del terremoto nel Ponente ligure del 1873 
contiene molte altre storie del nostro territorio, basta saperle leggere attraverso le fotografie, per me non è facile, ci proverò!
Senza storia non c'è futuro......le immagini dei fotografi sono storia.

10 commenti:

  1. Le immagini raccontano la Storia: quante volte è successo nel passato? Grazie alle immagini possiamo vedere con i nostri occhi quello che è stato scritto nei libri inoltre l'immagine colpisce più delle parole, a volte. Ciao

    RispondiElimina
  2. Ciao Roberta, sono d'accordissimo con la tua conclusione: Senza storia non c'è futuro......le immagini dei fotografi sono storia.

    Gli attimi fermati nel'immagine fotografica sono momenti che non si ripeteranno mai più!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  3. interessantissimo...un bacione

    RispondiElimina
  4. Monet fece la sua prima visita in Riviera a fine anno del 1883.....infatti il 23 Gennaio 1984, Monet è di nuovo a Bordighera.

    Brava lo stesso

    RispondiElimina
  5. sono passato tante volte da dolceacqua.....è bellissimo comprendo il fascino che aveva suscitato piu' di 100 anni fa....

    RispondiElimina
  6. Roberta complimenti per le tue ricerche storiche.
    Interessante documentazione...

    RispondiElimina
  7. Verissimo, Rob! Le immagini raccontano e documentano iconograficamente la Storia.

    Una modalità documentativa importantissima.

    Informazioni interessanti, come sempre:)

    Baci
    annarita:)

    RispondiElimina
  8. Leggendo il tuo blog, imparo sempre delle cose nuove, Grazie.
    Buona serata e buona vita, Viviana

    RispondiElimina
  9. fuin, grazie per avermi fatto notare l'errore, ho corretto 1984 con 1884, ieri sera ero proprio fusa;)

    RispondiElimina
  10. La storia e' fatta anche di immagini.
    Grazie per avermi fatto conoscere questo interessante avvenimento.
    Buona notte
    Vale

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
Ho dovuto eliminare la possibilità di commento anonimo per troppi commenti spam.