lunedì 6 aprile 2009

Terremoto in Abruzzo, l'Italia piange.

Mi sento particolarmente triste, ho anche pensato di non scrivere nulla....

E' tutto il giorno che appena posso guardo la TV e ascolto la radio, le notizie che arrivano mi sconvolgono....

Siamo così fragili nelle nostre case......
Permettetemi di condividere con voi una frase celebre di Charles Darwin:

”E’ crudele ed umiliante constatare che le opere umane, costate tanti anni di lavoro e sacrificio, possano venir distrutte in pochi secondi… la terra, simbolo stesso di solidità, può muoversi sotto i nostri piedi come una sottile pellicola su un liquido”

11 commenti:

  1. Capsico cosa provi, Roberta. E' quello che probabilmente proviamo tutti.
    Un sentimento di profonda tristezza e, allo stesso tempo, di impotenza.

    Mi unisco a te nell'abbraccio a tutte le persone colpite da questo crudele evento.

    RispondiElimina
  2. Attoniti guardiamo alla vita che in questi momenti ci mostra più che mai il suo mistero.
    E non si trovano i perchè.

    RispondiElimina
  3. A volte ce lo dimentichiamo, ma la nostra fragilità è grande: bastano pochi secondi e il nostro mondo con tutte le sue vane certezze si sgretola in polvere.

    RispondiElimina
  4. Ho letto il tuo commento da Angelo Azzurro e il tuo post.
    Dovremmo solo avere rispetto della Terra che ci ospita
    Solo questo oggi
    Ciao
    Saba

    RispondiElimina
  5. ora è il momento della solidarietà!!!

    RispondiElimina
  6. E' tempo di fare qualcosa di concreto per tutte le vittime di tanta sciagura. Su scientificando, ho pubblicato i riferimenti per quanti vogliono inviare un contributo.

    Un abbraccio, Rob.

    RispondiElimina
  7. avevo pensato anche io al silenzio ma poi due righe le ho scritte lo stesso... un abbraccio all'abruzzo

    RispondiElimina
  8. anche la nostra Liguria è terra sismica, quindi....mi sento molto vicina a tutte quelle persone che in un istante hanno perso tutto, compresa la vita!!!

    RispondiElimina
  9. Roberta, ti capisco perfettamente.
    Lo sconforto è grande,sia per chi ha perso la vita sia per chi si ritrova in mezzo ad una strada.
    Adesso però è il momento di tirarci su le maniche tutti quanti, e aiutare materialmente gli Abruzzesi a ricominciare!

    Buona giornata.

    RispondiElimina
  10. Tragedia. Siamo proprio fragili.
    Vale

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
Ho dovuto eliminare la possibilità di commento anonimo per troppi commenti spam.