venerdì 13 marzo 2009

Le Orchidee terrestri: la Barlia robertiana

Oggi pomeriggio ho chiesto a Giorgio di accompagnarmi a fare un giro in campagna, avevo voglia di fare qualche fotografia....
Oltre a farmi piacere la sua compagnia, gli ho chiesto di venire con me perché conosce molto bene il luogo e sa dove trovare i fiori.......grazie agli insegnamenti di mi suocera, che fin da piccolo lo ha sempre portato con se, insegnandogli i luoghi dove crescono queste meravigliose Orchidee.



Abbiamo trovato parecchi di questi fiori, altri stanno appena germogliando, sono soddisfatta perchè nonostante la vegetazione stia ancora dormendo, ho potuto ammirare questa meraviglia della natura, l'Orchis Longibracteata o Barlia robertiana o Loroglossum longibracteatum, fiori dal profumo inebriante......


[...]
La flora spontanea della Liguria è ricca di rappresentanti della famiglia delle Orchidacee.
Questa famiglia è composta da 500 generi e da 20.000 specie, la seconda per vastità del regno vegetale, deriva il proprio nome da Orchis, uno dei generi più conosciuti e studiati dagli specialisti di morfologia vegetale, una nomenclatura che si trova già negli scritti di Teofrasto e di Dioscoride a testimonianza dell'attenzione che in ogni epoca è stata riservata, da parte dei naturalisti, a queste curiose piante.[...]

L'Orchidea che ho fotografato, appartiene alla specie del genere Orchis,[...] questo è un genere molto importante, composto da un'ottantina di specie, due quinti delle quali appartengono alla flora italiana e sono quasi tutte presenti nella nostra regione. La maggior parte di esse è nativa dei paesi a clima temperato dell'Europa, dell'Asia, dell'Africa Settentrionale.
Questa, è la più precoce delle Orchis perché fiorisce già alla fine di dicembre durando fino a maggio e abbondando negli incolti collinari del Ponente ligure. Pianta alta e robusta (30/60 centimetri) ha fusto erbaceo grosso ed eretto con foglie larghe, ellittiche od ovali, carnose e di colore verde marcato. I fiori grandi, di colore roseo o verdastro, sono raccolti in spiga compatta;
I tepali esterni sono accostati in una specie di casco, mentre il labello di colore variante dal rosa al porporino o quasi biancastro, è punteggiato di scuro, diviso in tre lacinie, la mediana delle quali è a sua volta bipartita. Lo sperone è la metà dell'ovario.[...]
Tratto da Fiori di Liguria di G. Nicolini/A. Moreschi
Edizioni Siag Genova



Questa è Isolabona ripresa dal punto in cui ho trovato la prima Orchidea.

11 commenti:

  1. Che meraviglia! Amo le orchidee e il tuo gradito post mi ha fatto ricordare gli anni trascorsi studiando la flora esotica, là, in quelle terre oltre oceano che attirano sempre la mia attenzione.
    Un caro saluto.
    Rino

    RispondiElimina
  2. Essendo un post dedicato alle orchidee mi piacerebbe fare dello spirito essendo virtualmente orchidearossaa. Avevo visto la figura di questa orchidea in un manifesto pubblicitario sei mesi fa e mi era rimasta impressa perchè mi piaceva molro. Ora la mia ignoranza e stata colmata conoscendone anche il nome. Sono molto curiosa e ho voluto vedere Isolabona da un altra angolazione, da un immagine di Google Earth. deve essere bello il paese e penso anche si viva bene.
    Buona serata e buona vita
    Viviana

    RispondiElimina
  3. E' vero, queste orchidee crescono sempre negli stessi posti, e se ne possono trovare anche di altre specie o forse varietà. Ho un amico di Dolceacqua che è un profondo conoscitore di queste orchidee, ma non riusciamo mai a combinare per fare una passeggiata in campagna. Proverò la prossima volta che vengo giù. Ciao.

    RispondiElimina
  4. @rino, infatti quando si parla di Orchidee si associano questi fiori sempre al mondo floreale e profumatissimo esotico, fortunatamente nella nostra bella Liguria ne possiamo trovare molte specie, buona serata.

    RispondiElimina
  5. @Alberto, grazie a mia suocera, che come tu ben sai è nata e cresciuta in questi luoghi ed essendo amante dei fiori, conosco altri tipi di Orchidee e appena fioriranno le fotograferò....peccato non lo faccia anche tu, perchè i tuoi sono scatti meravigliosi.....!!!
    Buona serata.

    RispondiElimina
  6. me encanta tu blog, y la música es muy linda, saludos desde españa.
    :)

    RispondiElimina
  7. Bellissima orchidea. La conosco bene perché adoro le orchidee:) Il suo nome è dedicato al botanico francese Gaspard Nicolas Robert. In Italia, la Barlia è molto diffusa al sud, nelle isole e lungo le coste liguri e tirreniche.

    Una pianta straordinaria!

    Buon week end!
    annarita

    RispondiElimina
  8. E' una specie protetta.
    Per il mese di aprile ci saranno:
    spaete e beciciure de gatu.

    RispondiElimina
  9. Grazie Roberta per queste belle foto.
    Continua a farci conoscere la flora spontanea delle nostre campagne.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. Roby,
    ti lascio un saluto veloce, sono a scuola...
    Ultimamnete ho problemi di salute a stare troppo al pc (probabilmente non hai letto uno dei miei, si più rari.., ultimi miei commenti....).
    Si aggiunge la mia connessione lenta ad impedirmi di "curare" visite a blog amici.... e mi spiace.
    Seguo tutti tuttavia dal gooogle reader.
    Sei sempre straordinaria con le tue pubblicazioni!
    bacioni,
    buona domenica
    g

    RispondiElimina
  11. bellissime foto!
    ci capisco poco di fiori, per cui sono affascinata da tutto ciò che li riguarda :-)
    un abbraccio

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
4) Anonimo: Se proprio non riesci ad utilizzare le altre opzioni, puoi commentare anonimamente. Se scegli questa opzione, gentilmente lascia una firma in modo da farti riconoscere.