venerdì 2 gennaio 2009

La ASL1 Imperiese risparmia sui farmaci

Questa mattina mi sono recata presso la farmacia dell'ospedale di Bordighera per ritirare dei farmaci " salvavita" per un mio famigliare.

Sono quasi tre anni che una volta al mese io o mio marito dobbiamo trovare il tempo nel giorno giusto ed entro le 12 e 30 per recarci in questo luogo, Bordighera dista 15 chilometri da Isolabona.

Forse non tutti sanno che la ASL1 Imperiese è l'unica Asl in Italia, che distribuisce i farmaci e gli ausili protesici direttamente presso le sue strutture all'interno dell'ospedale.

Qui potrete trovare l'intervista alla Dott.ssa Renata Canini Ex direttore generale della Asl1 e fautrice dell'intero progetto.

La mia riflessione è:

L'economia la sanità pubblica la deve solo fare su questa tipologia di ammalati?
Secondo me questo potrebbe essere uno dei punti, ma non l'unico....!!!

Voi cosa ne pensate?

6 commenti:

  1. Sarebbe un ottimo punto di partenza ... purtroppo però con la logica dei tagli temo rimanga solo un punto ...

    RispondiElimina
  2. Non sapevo di questa novità e ne sono compiaciuto!
    Dice molto bene la Dirigente dell'ASL,condivido il suo pensiero quando afferma che non sono d'accordo le grandi multinazionali e Federfarma,i loro introiti (cospicui) non sarebero più quelli se questi accordi venissero aplicati su base nazionale!
    E' auspicabile che l'esempio venga seguito,la salute è un bene prezioso e come tale va salvaguardato.
    CIao,buona serata.

    RispondiElimina
  3. Cara Roberta, il problema, a mio avviso, rimane la speculazione che le multinazionali fanno sulla Sanità che è un business per loro. Si dovrebbe operare un coraggioso ridimensionamento,...ma in che misura sarà possibile?

    Baciotti
    annarita

    RispondiElimina
  4. Ormai, purtroppo, la salute dei cittadini non è un dovere dello Stato verso i suoi cittadini, come è scritto nella Costituzione, ma un commercio. Un turpe commercio.

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
Ho dovuto eliminare la possibilità di commento anonimo per troppi commenti spam.