sabato 27 dicembre 2008

Per ogni bambino nato un albero piantato....


Il mio Maggiociondolo ( laburnum anagyroides )


Ieri vi ho parlato del mio Abete, piantato per ricordare un avvenimento.
Mi sono ricordata di una legge dello stato che obbliga i Comuni a piantare un albero per ogni bambino che nasce.
Quando nacque mio figlio nel 1998, il nostro Comune ne piantò nove perchè nove furono i bambini nati tra il 1997/1998.
Li piantarono nella piazza dedicata a Fortunato Peitavino e scelsero degli ulivi.
Che bello ricordo ancora la bella giornata che passammo......

Da allora sono trascorsi 10 anni ma di alberi non ne sono stati più piantati.
Peccato!
Sotto ho inserito il riferimento di legge a cui mi riferisco....
E nel vostro Comune questo accade?



UN ALBERO PER OGNI BAMBINO CHE NASCE
La Conferenza Stato-Regioni ha espresso parere favorevole alla ripartizione della residua somma di 826 milioni di cui alla legge 113/92 che obbliga i comuni a piantare un albero per ogni neonato
La Conferenza Stato-Regioni, nella seduta del 25 ottobre 2001, ha espresso parere favorevole sulla proposta avanzata dal Ministero per le politiche agricole e forestali relativamente la ripartizione della residua somma di lire 826 milioni riferita agli anni 1998-2001, di cui alla legge 113/1992.
La legge 29 gennaio 1992, n. 113 sancisce l'obbligo per i comuni, entro dodici mesi dalla registrazione anagrafica di ogni neonato residente, a porre a dimora un albero nel territorio comunale e a indicare nel certificato di nascita il luogo in cui l'albero è stato piantato.
I comuni che adempiono a tali obblighi, non prevedendo la legge sanzioni per gli inadempienti, sono una minoranza; in base ai dati raccolti dal Corpo Forestale dello Stato, infatti, solo il 40% dei comuni provvedono a piantare un albero per ogni bambino che nasce.
Il Nuovo piano di riparto riguarda le Regioni a statuto speciale e le Province Autonome.

15 commenti:

  1. Questa si che sarebbe una bella iniziativa se la prendessero un po' tutti i comuni ...

    RispondiElimina
  2. Bellissima iniziativa!!!
    Un saluto Dual

    RispondiElimina
  3. Un'iniziativa simile esiste anche a Genova.
    Quando abbiamo ricevuto una lettera del comune che ci invitava a recarci presso i giardini di Nervi, dove si sarebbe piantato un albero per i nati nel 2002, siamo stati ben felici di partecipare, e come noi centinaia di famiglie che pensavano di avere un albero dedicato al loro figlio.
    Ma che delusione quando abbiamo visto che in realtà l'albero era uno solo per tutti i nati nel 2002!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa fausto... anche a me era arrivato l invito ma non avevamo potuto essere presenti..tu sai dive si trova l albero e come si può identificarlo?ci sono i nomi?

      Elimina
  4. Lavorando in campagna càpita così spesso di piantare alberi che non si fa molto caso alle nascite o alle leggi.
    Ho un caco piantato nel 1988 quando è nato Michael, il figlio di una mia amica che mi incaricò fi farlo per quell'evento: è molto bello e tutti gli anni produce ottimi cachi.
    Ho piantato alberi perchè regalatimi da amici: ad es, il salice piangente di Ruggero, il falso pepe di Nino, l'olivo di Flavio, il salice ridente di Mario, il gelsomino di Aldo, il fico di Angela, ecc, ecc...

    RispondiElimina
  5. Non sapevo di una legge del genere,la trovo molto salutare!

    Non vorrei che anche questa,come altre leggi ben fatte,finisse nel dimenticatoio...

    Ciao gturs,buona fine settimana!

    RispondiElimina
  6. Che bella iniziativa! Non sapevo che esistesse una legge apposita. Indipendentemente da questa sarebbe doveroso farlo comunque. Io sarei felice se avessi un albero personale, da guardare come un fratello, su cui fantasticare, da accudire... Resterebbe anche dopo di me, a mio ricordo. La gente passerebbe e direbbe... ecco, quello è l'albero di Paolo! Sarebbe meraviglioso. Voglio subito proporlo al sindaco del mio comune.

    RispondiElimina
  7. Sì, peccato che non abbiano piantato più alberi per la nascita di un bambino!

    Vedi come siamo in Italia, ci lamentiamo delle leggi inique, ma quando ce n'è una buona la disattendiamo!

    Nel mio comune non ricordo sia in vigore una legge del genere, peccato!

    Stupendo il Maggiociondolo della foto.

    Un abbraccio, Roberta, e buona domenica:)

    RispondiElimina
  8. ciao, ti farebbe piacere uno scambio link?
    http://www.cappellate.com

    RispondiElimina
  9. @Annarita, questa è una legge dello Stato, dovrebbe essere rispettata da tutti i Comuni.
    Ciao cara.

    RispondiElimina
  10. Roberta, mi era sfuggito il ferimento di legge perché i figli mi distraevano con una bombardata di domande. Pardon! Adesso ho letto con calma e compreso chiaramente.

    Sembra che il 60% dei comuni disattenda la leggge, dato che non sono previste sanzioni per gli inadempienti.

    Ancora una "dimostrazione" del nostro senso civico! Che tristezza!

    Baci
    annarita

    RispondiElimina
  11. Quando è nata la mia seconda figlia,nel 1996,mi arrivò un certificato da parte del comune di Roma che attestava l'esistenza del "nostro" albero e il luogo dove era stato messo a dimora.
    Purtroppo qualche anno più tardi,nel 2000 ci fu un incendio doloso a Castelfusano che bruciò la bellezza di 260 ettari della bella pineta nei pressi di Ostia e li.... anche il nostro alberello :(

    RispondiElimina
  12. mia madre mi parlò circa 6 anni fa di questo albero e nel 2015 decisi di andarlo a vedere.
    ora è un bellissimo tavolo di noce in salotto con un bel ripiano in cristallo

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
Ho dovuto eliminare la possibilità di commento anonimo per troppi commenti spam.