martedì 14 ottobre 2008

Il nostro castello, un po' di storia





Le fotografie che ho fatto questo pomeriggio ritraggono il nostro castello.

Da http://it.wikipedia.org/wiki/Isolabona castello dei Doria. Costruito per la difesa del borgo, fu edificato tra il XIII e il XIV secolo in pieno dominio doriesco.

Negli anni 1992/93 venne ristrutturato in seguito a una riqualificazione di tutta l'area sottostante, che comprende il campo sportivo e i parcheggi.

Fu usato per diverse manifestazioni, teatro, festival delle harpae, cinema all'aperto e concerti di musica leggera.

Non è un vero e proprio castello con stanze e saloni .

Il recupero che fu fatto all'epoca ha fornito alla nostra comunità un luogo di aggregazione dove poter assistere agli eventi contorniati da una cornice veramente pittoresca.

Che peccato, tutto questo non c'è più, o per lo meno il castello c'è ma non si può più usare!!!
Essendo tutto aperto, cioè senza tetto, non è stata fatta la manutenzione delle travi e del pavimento con il conseguente deperimento del legno esposto agli agenti atmosferici.....

Oggi facendo la foto della porta, ho inavvertitamente messo i piedi sul ponte in legno, ho sentito uno strano scricchiolio....

Forse è stata solo una sensazione, mha!!

Non capisco, spendere tanti soldi per recuperare un castello e poi, aspettare che ridiventi un cumulo di pietre, tanto valeva lasciarlo come era !!!

Forse voi mi potete aiutare, cercate di farmi capire perchè lo hanno fatto.

2 commenti:

  1. raggio, un po' malato14 ottobre 2008 18:36

    Dico anch'io: è proprio un peccato! Fino a qualche anno fa eravamo orgogliose di ospitare anche le manifestazioni delle altre scuole nel "nostro" castello.Ogni volta che qualche collega propone di usare questa bella struttura, dobbiamo ripetere la stessa cosa: non è agibile. Certo che dispiace, potrebbe essere l'orgoglio di tutti, invece...

    RispondiElimina
  2. Le solite opere incompiute!

    Sei nel mio blogroll.
    Benvenuta!

    RispondiElimina

E' possibile commentare nelle seguenti modalità:
1) Google/Blogger: occorre registrarsi gratuitamente a Google/Blogger.
2) OpenID: ancora in fase beta, consente di commentare utilizzando un account comune ad alcune piattaforme.
3) Nome/URL: basta immettere un nome (nick) ed il proprio indirizzo (se si possiede un sito/blog).
Ho dovuto eliminare la possibilità di commento anonimo per troppi commenti spam.